Carne (2004)

Piano,

sfiorarle le labbra,

con indegno pudore,

far combaciare le proprie forme,

muovendo di moto vagante.

Come un fiore: strapparne,

delicatamente, i petali,

scoprirne il cuore,

senza più difese;

ormai, la sua innocenza,

perduta,

ha assediato e vinto,

ti chiama,

ti immola a se stessa.

Solcarne la pelle,

graffiando, mordendo,

finalmente animali,

incattiviti di fame,

voglia primitiva:

carne…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.