Ma dove finiscono le auto?

Ho bisogno di sfogare un po' di veleno accumulato, me la prenderò quindi con le mie vittime preferite: gli automobilisti. Ogni mattina, dal Lunedì al venerdì, mi reco sul posto di lavoro, percorrendo sempre la stessa strada: imbocco l'autostrada a Castel San Giorgio (Sa), la percorro fino al raccordo Sa-Av, poi mi immetto sulla Salerno-Reggio... Continue Reading →

Lettera al bambino che ero

Ciao, tu non mi conosci ancora, ma io ti ricordo bene: quante ne abbiamo passate insieme... Tu ancora non lo sai, io sì. C'è una cosa che voglio chiederti: quei riccioli biondi e quelle guance paffute e rosse che fine hanno fatto? Questo resterà sempre un mistero! I primi ricordi che ho di te sono... Continue Reading →

Amare e non pentirsi

Il mondo non ha mai girato nella stessa direzione, fisicamente sì ma è un altro discorso che non c’entra con il mio. Esistono le persone, ciò che esse provano o vedono e siamo miliardi di mondi, di universi, ognuno diverso dall’altro in modo netto o infinitesimale. Ho capito di essere diversa da subito, l’averlo accettato... Continue Reading →

Piangi con me

“Piccolino… non ha ricevuto abbastanza amore! Ha avuto i traumi! La ex l’ha tradito! L’altra ex lo ha umiliato! I bulli a scuola lo picchiavano! Il capo al lavoro lo tratta male! Sta passando un periodo stressante! Ha bisogno di essere stimolato, di essere invogliato! È intelligente, ma non si applica!!!” Alfonso pensa che questo mio... Continue Reading →

Sorridi al vento

Sorridi, tu sai come. A me? Non importa, non più: sorridi! Vorrei guardarti farlo, ancora: sorriderò, immaginandolo. Sorridi al vento, pensando ai luoghi che ha visitato: affidagli una carezza, che la porti lontano, lì dove sta andando. Sorridi alla Musica, che sia coperta d'Inverno ed ombra d'Estate. Sorridi al tuo specchio, che osserva e non... Continue Reading →

Ho disegnato una chiave

Da che lato guardo la porta? Sono il segreto da proteggere o chi vuole scoprirlo? Sono chi bussa insistente o chi si barrica sicuro? Sono il prigioniero in custodia, oppure il guardiano insonne? Ho disegnato una chiave, la porta si è aperta ed ho visto te.   Eri dentro o fuori? Ti ho invitato ad... Continue Reading →

Donna forte ed uomo debole

Donna forte ed uomo debole? Possibile, con risultati diversi! Sono molto incazzato con Sydney, perché in questo periodo ho davvero tanta voglia di sparare a zero sulle donne, tirare fuori tutto il mio cinismo agonistico, ma lei me lo impedisce. Mi impedisce di diventare cattivo, perché quando ci sentiamo "fuori dal blog", per metterci d'accordo... Continue Reading →

Bambole e pistole

Ho letto le parole di entrambi, e sono inciampata in un ossimoro psicologico : sono d'accordo con tutti e due. Nelle vostre parole, come nel mio pensiero,   leggo tanti stereotipi e tante verità, verità divenute stereotipi e stereotipi divenuti verità... Al punto che non saprei dire se siano nati prima gli uni o le... Continue Reading →

Oggi sei il vento

Oggi non cambiare rotta: il vento è forte, la vela gonfia, la meta vicina, lei non è in quel porto. C'è il nulla dietro te, solo pochi vivi ricordi: riponili e ne avrai. L'orizzonte non è lontano, scavalcalo con gli occhi, guarda oltre le tempeste: quante ne hai viste, prima che scivolassero alle tue spalle,... Continue Reading →

“Ti sta prendendo bene”: Agire e Re-Agire!

"Ti sta prendendo bene" è stata la frase che ha firmato la settimana appena trascorsa, con mio grandissimo stupore. Ho molte cose arretrate da scrivere: rispondere a Sydney nell'esperimento "Guerra di generi", il quarto capitolo di Logos, da troppo tempo in sospeso, oltre altre cose conservate nelle bozze. Devo ancora rimandare, perché ho nella testa... Continue Reading →

Io sono la mia gabbia

Io sono la mia gabbia, sono le sbarre di ferro, allegre in colori pastello. Io sono il trespolo, dondolo, oscillo, cigolo. Io sono l'osso di seppia, incastrato e scheggiato. Io sono il bambino che picchietta sulla porta e la apre, la dimentica. Ora sono un nuovo cielo, sono il vento, la pioggia, le nuvole, la... Continue Reading →

Donna verso uomo?

Fò mo mi vuole provocare, capì, vuole che mi metto a sputare veleno sugli uomini... E vabbuò. Vabbuò. Pare che ti sto trattando con sufficienza? Ebbene sì. Perché ti rispondo, giusto perché ci siamo messi d'accordo che ti rispondo, ma sinceramente, che colossale stronzata. Ho ormai superato la trentina e la maggior parte delle mie... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑