Era solo un folletto

Ho salvato un folletto, liberandolo in un bosco. Grato, mi ha offerto in cambio la ricchezza. "Non mi serve, posso da solo", ho risposto. Mi ha offerto il successo, la fama, la gloria: "anche questo posso da solo"', ho rifiutato. Lo spiritello, incredulo, mi ha offerto vita eterna, salute, giovinezza per i secoli che verranno.... Continue Reading →

Il valore di una parola

Qual'è il valore di una parola? Lo stesso di un intero discorso: il valore di chi pronuncia, stimato da chi ascolta. Non è il messaggio, ma il tramite. Non è la poesia, ma il foglio. Non è la canzone, ma il disco. Il valore di una parola è lo stesso del silenzio: il tasso di... Continue Reading →

Vestire i tuoi lividi

I tuoi lividi: li avrei indossati, facendo completo coi miei, fino a non distinguerli. Senza esitazione, avrei calzato le tue insicurezze, senza mai perdere il passo. Non rifiuterei di ingoiare i tuoi veleni, se servisse, facendone contorno ai miei. Donerei i miei occhi ai tuoi pianti, le mie ginocchia alle tue cadute, le mie mani... Continue Reading →

Muro e barricata

Vedi un muro, lo so, ma non è tale. Un muro divide, invalicabile confine. Un muro può cadere, sotto i colpi del tempo. Quello che vedi non è muro, ma barricata: non divide, ma isola e protegge, esclude. Fuori dalla mia barricata c'è un sorriso, arma letale, caricata a luce intensa. Fuori dalla barricata ci... Continue Reading →

Io sono il Vietnam

"Io sono il Vietnam" è l'epifania di questa domenica appena trascorsa, lasciate che spieghi il perché agli estranei che vorranno saperlo. Il perché sta proprio, in primis, nei destinatari: gli estranei, gli sconosciuti... Perché loro leggeranno questo post, gli altri.... Beh, leggeranno il titolo, commenteranno al massimo con un'emoticon e tutto finirà lì. IO SONO... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑