L’amore (a 22 anni)

L’amore mi son chiesta cosa sia, a 22 anni sei nel limbo tra quella visione adolescenziale e quella visione più matura. Vedi litigi futili, incomprensioni, coppie che scoppiano e ti chiedi quale sia il segreto che permette di portare avanti una relazione duratura nel 2019 dove l’apparenza è spesso al primo posto e i valori al secondo, dove la concezione dell’amore è cambiata, dove l’uomo e la donna hanno assunto visioni diverse del concetto di coppia. Ritengo, che, la cosa più corretta sia sempre chiedersi quanto si è disposti a mettersi in gioco, a condividere la vita da qui in … Continua a leggere L’amore (a 22 anni)

Vita 1. Capitolo 4

Nuovo capitolo. Ho girato pagina la settimana scorsa in maniera decisiva, nuovi sorrisi e questa volta, forse, senza fingere. I libri sparpagliati che emanavano tristezza e non profumavano più di futuro, ma ero io e non sentire quel profumo, la determinazione che dovevo applicare, la voglia di cambiare, ed io, che avevo voglia di togliermi dalla testa quell’immagine di uomo stilizzato con davanti delle linee, quella rete che avevo io in testa. Un luogo soffocante ed una morsa, la pesantezza del mattino, sorridere ai momenti felici passati e luoghi che non riconosco più. “Ci ho messo troppo” mi ripeto, la … Continua a leggere Vita 1. Capitolo 4

Mi piace chi…

A volte capita che una patina di perbenismo e buon cuore sbiadendo riveli un volto differente, uno sguardo di invidia, arrivismo e una sete smodata di vantaggi personali. Per una innata fiducia tendo ad aprirmi troppo con chi è, fondamentalmente, uno sconosciuto. Ma nel tempo, osservando atteggiamenti e perlopiù fatti cade la maschera e vedo effettivamente chi ho di fronte. Mi piacciono le persone buone di cuore, che incoraggiano, ammirano apertamente ciò che trovano bello o piacevole, che elevano l’altro focalizzandosi sulle sue qualità, che sono incapaci di esprimere un pensiero critico perché si concentrano sul valorizzare le abilità e … Continua a leggere Mi piace chi…

A (the) day to remember

Fine maggio, un caldo asfissiante in piena Pianura Padana. Appunti e libri sparsi qua è la, un libro di Pavese sopra al letto affianco all’agendina degli impegni da fissare. Improvvisamente un pensiero nato da una chat, uno di quei pensieri che potrebbe essere il titolo di una canzone in stile David Bowie. “A day to remember” anzi, “The Day to remember” il giorno da ricordare, ricorderai, per sempre quel giorno. Un titolo che già di per sé è un viaggio. I giorni scorrono poi non sai mai cosa potrà accadere, ma quel giorno impresso bene nella mente lo ricorderai per … Continua a leggere A (the) day to remember

Vado al Quirinale!

“Pronto…ciao mamma senti ho fallito per l’ennesima volta all’esame all’università. Non ce la faccio più probabilmente cambio strada. Ci vediamo a casa e ne parliamo. Ciao” Ancora una volta, ancora un no, ciao, senti non ce la faccio più, sto fallendo, avevo promesso lauree, feste e complimenti, ma no. Sì va beh…capirai… e mo? Bah…non so, magari tento la sorte, sai com’è, vivo in un paese dove nel 2018 sono rappresentata da uno Stato in cui viene convocata al Quirinale una persona che ha falsificato il curriculum (l’ha un po’ pompato) e poi sai mamma…sono spuntate anche delle tasse non … Continua a leggere Vado al Quirinale!