Buonanotte e resto sveglio

Buonanotte alle scale,

dolce fatica del rientro:

ogni gradino mi saluta,

conoscendomi.

Buonanotte alla chiave,

che riapre il rifugio:

ora posso spogliarmi,

togliere le scarpe,

i vestiti e la maschera.

Ora posso svestire il sorriso.

Buonanotte al freddo,

che sia il benvenuto,

mimetizzando il gelo

che mi hai lasciato.

Buonanotte al tablet,

al dolce stordimento

di una serie TV americana.

Buonanotte Musica,

grazie di essere unguento,

di coprire le cicatrici:

buonanotte alle cicatrici.

Buonanotte agli amici,

a quelli che lo sono, senza crederlo,

a quelli che ancora lo credono.

Buonanotte a lei, sconosciuta,

che aveva i tuoi capelli,

che sembrava te, di spalle,

distraendomi.

Buonanotte al volto che accarezzava,

uccidendomi per un istante.

Buonanotte al silenzio,

veleno che versi nei miei calici.

Buonanotte al silenzio,

il mio regalo quotidiano per te.

Buonanotte al pallino verde,

che mi dice che sei lì,

ad un tasto “invio” da me:

desisto, come hai chiesto.

Buonanotte a te, odiandoti:

”buonanotte” vorrei dirti

adesso, stanotte, ogni notte.

”Buongiorno” vorrei dirti,

domani, ogni domani.

Buonanotte a te, ignara,

sorda al mio muto richiamo.

“Buonanotte a te”, sussurro:

ti penso e resto sveglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...