La preghiera di un idiota

“Prenditi pure le mani,

se non possono essere carezze.

A che servono gli occhi,

se non per guardarla ridere?

Non ho bisogno di voce,

se non posso sussurrarle.

Non ho nulla da ascoltare,

oltre le sue parole.

Questo naso a che serve,

senza il suo profumo?

I piedi e le gambe sono inutili,

se non posso camminarle accanto.

I pensieri, uno ad uno, cancellali!

Lascia la mia mente libera da lei.

Per ognuna di queste cose,

dammi in cambio un giorno ancora,

tra le sue braccia.”

Fu così che un Dio qualunque

esaudì la preghiera dell’innamorato,

concedendogli dieci giorni:

senza mani per toccarla,

senza occhi per guardarla,

senza voce per parlarle.

Trascorsi i dieci giorni,

l’amata scomparve,

ma l’incosciente restò monco,

muto, sordo ed invalido d’amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: