Il nemico non esiste

Richiamate le riserve,

lucidate le corazze

e fate che brillino al sole

del primo mattino.

Mantenetevi lucidi,

tenete le armi cariche,

le lame affilate,

le polveri asciutte.

Scavate trincee profonde

e rannicchiatevi,

dormite a turno:

vigili, composti, attenti.

Ci siamo distratti,

hanno colpito e ferito,

ma non potevano ucciderci:

dall’inferno più profondo

eravamo appena tornati.

Impariamo, ripieghiamo,

ricostruiamo, fortifichiamo.

Abbiamo creduto nella diplomazia,

sono entrati, hanno depredato.

Non troveranno altre brecce,

non un varco, un passaggio.

Scudo contro scudo,

mille anime in un solo corpo:

un esercito, un solo uomo.

Il nemico, forse, non esiste,

ma esisterà, ancora:

saremo pronti a respingerlo,

ancora!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.