Oltre (2002)

Premessa: Ho scritto nel 2015 una canzone che si chiama “Oltre”, completamente slegata da questa poesia, di cui non ricordavo neanche l’esistenza.

Ancora mi incanto,

guardando il cielo stellato.

Mi interrogo su quel che c’è

oltre, oltre, oltre…

Mi sconvolge pensare

che sia un confine invalicabile,

conto le stelle, mi perdo,

ricomincio, per andare

oltre, oltre, oltre…

Guardo la collina che,

fin dall’infanzia,

accompagna il mio risveglio:

Oltre c’è il Vesuvio,

oltre il mare, la gente,

oltre, oltre, oltre…

Ascolto i miei pensieri,

nel silenzio rimbombante

di un’ennesima notte:

li supero per andare

oltre, oltre, oltre…

Percepisco altri fumi,

altri fantasmi, altre idee:

non sono le mie, sono

oltre, oltre, oltre…

Io non resto qui, io volo

oltre, oltre, oltre…

Vi scriverò come va

questa mia avventura:

non vi sconvolga un vaffanculo,

come unica buona affrancatura.

Io sono già oltre..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.