Lettera dalla propria Curiosità

Mi riconosci? Ti ho visto nascere,

piangevo con te, avevo la tua stessa fame.

Io ricordo il primo raggio di luce,

io ero lì, insieme a te.

Mi senti? Sono dietro di te:

vai pure avanti, io ti guardo le spalle,

nessuno riuscirà a colpirti.

Mi vedi? Sono proprio di fronte a te,

sono nei tuoi occhi, nel tuo sangue,

sotto la tua pelle: sono la pelle stessa.

Mi cerchi ancora? Puoi non temere:

io ci sarò sempre, cammino con te,

sarò al tuo fianco fino all’ultimo istante.

Io non ti ho tradito, perfino nelle ore

in cui mi scacciavi, perché mai?

Ci faremo male e guariremo.

Avremo successi e ringrazieremo.

Io non chiedo nulla, se non un sacrificio:

non cedere alla paura, è l’unico veleno

in grado di uccidermi: salvami.

Sii curioso di ciò che temi, provaci.

Andiamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.