Io sono la mia gabbia

Io sono la mia gabbia,

sono le sbarre di ferro,

allegre in colori pastello.

Io sono il trespolo,

dondolo, oscillo, cigolo.

Io sono l’osso di seppia,

incastrato e scheggiato.

Io sono il bambino

che picchietta sulla porta

e la apre, la dimentica.

Ora sono un nuovo cielo,

sono il vento, la pioggia,

le nuvole, la polvere.

Ora sono le mie ali,

timide e smemorate,

ma volenterose e forti.

La gabbia è vuota,

il trespolo è immobile:

io sono!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...