14.2.18 risssunto di deliri notturni

“Se non posso averti io, ti prego,

regalati a chi merita, meriterà.

Ho chiuso i miei cancelli,

per anni, troppi anni, poi…

Poi tu, con quel sorriso,

sfuggente sui bordi,

innalzato al cielo, divino:

Creatura meravigliosa,

che ridesta l’anima.

Ora, piango? Sembra!

Invece rido, colmo di gioia,

consapevole e sicuro,

di potere ancora sentire.

Sei bella, nell’aspetto, ma…

Sei bella, nelle sfumature,

senza avversativi ulteriori!

Ogni condizionale brucia,

come mozziconi sulla pelle,

come rasoi, come lame:

tutte cose lontane!

Sei bella, in realtà,

come il desiderio di averti,

entrarti dentro, nel corpo,

ma più nell’anima!

Prego il mio Dio sordo,

affinché tu realizzi i tuoi sogni,

affermandoti come donna adesso,

compagna domani, poi un giorno,

madre… Sì, allora sarai davvero bella!

Mi manchi, come idea, potenziale,

come una canzone mai scritta.

Io non ti amo, ma vorrei:

mi manca essermi innamorato

di te, di noi nel mondo.

Sono vivo, vivente, salvo,

non temere: sono a casa.

Io torno sempre a casa.”

Le parole che non hai ascoltato

e quelle che avrei dovuto evitare.

Le parole che non ascolterai.

2 pensieri su “14.2.18 risssunto di deliri notturni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...