Michael Collins e la chitarra da spiaggia

[Tempo di lettura stimato 2min]

Vogliamo spenderle due parole per Michael Collins, la più grande “chitarra da spiaggia” mai esistita?

Ok, Michael Collins non era un chitarrista e la sua storia non ha nulla a che fare con i falò estivi, ma per analogia rappresenta tutta una categoria di poveri sfigati dimenticati.

Se non lo sapete, sto parlando del terzo uomo sull’Apollo 11, insieme a Neil Armstrong e Buzz Aldrin.

Abbiamo già parlato altre volte delle missioni Apollo o meglio di due personaggi che vi presero parte, cioè di Jim Lovell dell’Apollo 13 e Alan Shepard dell’Apollo 14, rispettivamente l’uomo più sfigato e quello più fortunato delle missioni spaziali.

Michael Collins, invece, non fu né sfigato, né fortunato: fu semplicemente rassegnato.

Quando il trio dell’Apollo 11 cominciò l’addestramento, lui era ben consapevole che la Luna l’avrebbe vista solo da lontano: era infatti lui a dover attendere in orbita, mentre gli altri due passeggiavano sulla superficie del nostro amato satellite.

Michael Collins era rassegnato, ma compì comunque il suo dovere, con spirito di squadra e abnegazione.

Lui era “quello con la chitarra”, che suona mentre gli altri limonano, era quello che scatta la foto di gruppo e che non è presente negli album: lui era invisibile, eppure necessario.

Sì, era necessario, perché senza di lui i suoi due colleghi con avrebbero avuto speranze di tornare a casa!

Fu lui a occuparsi delle operazioni in orbita, monitorando la discesa del lander e preparando tutti i sistemi al ritorno di Armstrong e Aldrin.

Ho sempre pensato questa cosa, ma oggi ne ho avuto la prova, grazie alla pagina Passione Astronomia, che ha pubblicato una foto che non conoscevo.

“Hey”, ho pensato, “allora non era solo un mio pensiero!”

Ho scoperto che il povero Michael era DAVVERO quello che scattava le foto e per la precisione anche L’UNICO del genere umano a non finire nell’album.

A questo punto non mi stupirei se a bordo della navicella avesse portato una chitarra e se Aldrin e Armstrong avessero limonato!

Quindi, caro Michael, che oggi hai la bellezza di 90 anni, a te voglio dedicare un pensiero, perché devo confessarti che io non sono un chitarrista, ma sono quello che porta la chitarra e che capisco!

Capisco, caro Michael, che sui giornali finirono le foto dei tuoi amici, ma che, se per un attimo t’avesse girato male, sarebbero state immagini alla memoria!

Io ti capisco Michael, quindi a me puoi dirlo… Resta tra noi…

Armstrong e Aldrin, alla fine, hanno limonato, vero?


Foto in copertina, ovviamente, di Michael Collins

Un pensiero su “Michael Collins e la chitarra da spiaggia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.