Le pieghe del mattino

Pensavo a te, mentre lei mi portava via.

Pensavo a te, che restavi di spalle,

lasciando le nostre ombre dividersi.

Lei è il bavaglio al mio desiderio,

che urla il tuo nome ai randagi.

Lei è la pezza sul tuo strappo,

il quadro che copre la crepa,

il trespolo che sorregge il ramo

spezzato dall’ultima pioggia.

Mi sono svegliato col suo odore,

cercando il tuo profumo,

poi ho immaginato la tua voce

in una melodia che s’infiltrava

tra le pieghe del mattino.

Pensavo a te, mentre mi portava via,

sperando che mi fermassi,

chiedendomi di non andare,

di restare per bere, ridere,

scambiarci canzoni e segreti,

unire le nostre ombre e la carne:

al risveglio avrei sentito il tuo profumo,

la tua voce sarebbe stata la melodia,

avrei guardato il mattino senza pieghe.

2 pensieri su “Le pieghe del mattino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.