Aggio visto ‘nu “rummore” (Ho visto un rumore)

Oggi desidero condividere con voi un mio malessere, l’insofferenza che provo per una determinata categoria di persone: i rumoreggiatori.

Questa determinata categorie di persone si avverte chiaramente quando meno ne hai bisogno, in contesti che, per loro natura, necessiterebbero di silenzio: il rumoreggiatore, al contrario, proprio in quei momenti sente l’impulso irrefrenabile di affermare la propria presenza.

Il rumoreggiatore (molesto per natura) impone la propria esistenza, ad esempio, al cinema, fin dall’entrata in sala, ovviamente in ritardo, a film già iniziato. A questo punto, la serie delle sue azioni è quasi sempre la stessa:

  1. Cerca il proprio posto discutendo, ad alta voce, con i suoi simili (spesso viaggia in branco);
  2. Toglie il giubbotto di pelle sintetica (che ha un suono che ricorda quello della plastica da imballaggio)
  3. Si siede, emettendo versi che comunicano al mondo i propri malesseri fisici.
  4. Beve, emettendo un rumore così forte da far impallidire un’idrovora.
  5. Comincia a ravanare nella busta di patatine, per poi degustare ogni singola sfoglia croccante, come se si trattasse del suo ultimo pasto.
  6. Parlotta con il vicino, discutendo del film o di qualsiasi altra cosa gli giri in quel momento.

A questi eventi “standard” se ne aggiungono altri occasionali, come ad esempio una telefonata di un membro del branco, malauguratamente rimasto nella sua tana, al quale il rumoreggiatore DEVE fare la telecronaca della serata, con tanto di riassunto di quanto già avvenuto e pronostici su quanto potrebbe avvenire.

Avrei una domanda per eventuali lettori rumoreggiatori: come fate a fare rumore anche col popcorn? È fisicamente impossibile! Questo rimane un mistero!

Il cinema, tuttavia, rappresenta solo l’habitat preferenziale del rumoreggiatore, che non si fa mancare avvistamenti in situazioni meno condivise da noi povere vittime.

In aereo, per esempio, il rumoreggiatore ama avere attacchi di tosse, come se avesse deciso di ammalarsi proprio in occasione del volo; in autobus, deve picchiettare sul vetro del finestrino, con cadenza lenta e costante, come se si trattasse del tamburo di una marcia alla forca.

Il rumoreggiatore è colui che, quando lava i piatti, deve far credere a tutto l’isolato che nel suo appartamento ha aperto una mensa per l’esercito. Lui è colui che, quando guarda il tv, costringe tutto il palazzo a sintonizzarsi sul suo stesso canale ed abbassare il volume, perché tanto senti il suo.

Non crediate, però, che il rumoreggiatore sia un essere semplicemente maleducato e cinico, al contrario (io penso), si tratta di un animale profondamente inquieto, tormentato dalla propria anima e da profonde fobie d’abbandono: “io ci sono”, sembra affermare ad ogni suono prodotto.

Sì, lo sappiamo che ci sei, ti sentiamo, ti vediamo!

Il rumoreggiatore non fa violenza, ma chiede aiuto: chiede aiuto in auto, armato di clacson; chiede aiuto in fila alla posta, fischiettando; chiede aiuto se per caso ti ci trovi a condividere una stanza, russando così forte che lo senti anche con i Metallica a tutto volume negli auricolari.

Su quest’ultimo punto, si apre una parentesi importante: il rumoreggiatore è inconsapevole!

Sì, perché se gli consigli di andare in farmacia a comprare dei cerotti per combattere l’apnea notturna, lui ti risponderà che non è vero che russa. Tu tenterai di spiegargli che se dorme non può sentirsi russare, ma lui negherà ancora. Una volta mi sono sentito dire “se russassi davvero, mi sveglierei per il rumore.”

A questo punto, dato che abbiamo detto che il rumoreggiatore non è cattivo, ma solo un’anima tormentata, io ho una proposta: prendiamoli tutti, scegliamo un luogo disabitato del pianeta e creiamo una nazione solo per loro, ovviamente debitamente insonorizzata!

Se il rumoreggiatore ha bisogno di aiuto, aiutiamolo ad andare a quel paese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...