A Jim Lovell

Io ti conosco Jim, hai i miei occhi,

colmi di smania e di rimpianti.

Due volte l’avemmo tra le mani,

due volte scivolò tra le deboli dita.

Era lì, così vicina, così reale,

da pensar d’averla afferrata,

ma era solo un’orbita, un’illusione.

È solo una pietra sospesa, Jim,

alla quale offriremmo la vita,

per poterla toccare, fare nostra,

portarla con noi, per sempre,

tenerne una briciola in tasca.

Siamo vivi Jim, siamo a casa,

siamo al sicuro, sopravvissuti,

reduci da un impatto mancato,

ma avremmo preferito schiantarci,

contro quella maledetta Luna,

che tanto manca all’anima,

da non riuscire a guardare il cielo.


Leggi anche “Jim Lovell non si può lamentare” (2017).


Photo de SevenStorm JUHASZIMRUS provenant de Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.