Zona ad Altro Rischio: 3 Aprile con Pervito “Grisù” De Rosa

Una vecchia canzone di un vecchio gruppo rap italiano recita: “ho tanta nostalgia degli anni ’90, quando il mondo era l’arca e noi eravamo noè”.

Voi ci chiederete cosa ha a che fare quest’incipit con l’ospite della Zona del 3 aprile, Piervito “Grisù” De Rosa. Io vi risponderò che non c’entra proprio niente, ma che ieri la nostalgia m’è venuta e ho ricordato che davvero, a quei tempi, vedevo il mondo come l’arca e mi sentivo noè.

Negli anni ’90 dell’underground salernitano, come in quello di tutta l’Italia e di buona parte del mondo, tanti si sentivano come me e ieri Grisù non solo me l’ha ricordato, ma me l’ha fatto rivivere.

Quelli erano i tempi delle posse, dance hall ai centri sociali, dei dibattiti nei parcheggi, delle canzoni che avevano l’ambizione di cambiare il mondo, dell’etica dei testi e di un’energia propositiva che Piervito conserva ancora, rielaborandola e riproponendola in chiave contemporanea.

Piervito non vive nel passato, vive oggi, ma con l’entusiasmo dei vent’anni.

Sarebbe riduttivo definire il suo genere “reggae”, perché non è solo questo. Nelle canzoni di Grisù si percepisce anche dub, rap, pop, ska, influenze elettroniche, tradizione napoletana, funky e tutto quello che ti fa ondeggiare, come un fruscello al ritmo del vento.

Ieri ci ha fatto fare un viaggio nella sua storia, mostrandoci i cimeli della sua carriera, dal dal “cassettone” autoprodotto con i sudati risparmi, al cd dei “Paranza Vibes, sua band storica, prodotto a botte di cento copie e venduto dopo i concerti, fino all’album prodotto dalla Warner, ai vinili, alle colonne sonore per film. Tutto questo condito da una miriade di pass backstage, locandine, manifesti e perfino quadri, che lui stesso dipinge e che, a volte, espone durante i suoi concerti.

Nella carriera di Piervito compaiono nomi e collaborazioni per i quali molti di noi venderebbero l’anima, come ad esempio 99 Posse e Sud Sound System, ma artisti internazionali come Anthony Johnson, Tippa Irie, Ranking Joe, Joseph Cotton, con aperture a Enzo Avitabile, J-ax , Roy Paci e Manu Chao.

La vertià, bloggolini e bloggoline, è che Piervito l’anima l’ha venduta, ma alla Musica, per poi renivestire il ricavato con altra Musica, sua e di altri.

Non è da sottovalutare, infatti, la sua decisione di aprire un’etichetta, la “Pecora Nera”, con la quale produce artisti emergenti, ai quali mennte a disposizione anche la sua esperienza.

Sulla stessa linea si inseriscono i suo iprogetti televisivi, l’attività di direttore artistico per alcuni club della zona e l’organizzazione di eventi musicali e culturali.

Piervito si definisce un operaio della Musica e credtemi lo è, con tanto di doppi turni e straordinari non pagati, perché lui alle note non chiede nient’altro che vivere con le sue canzoni e se qualcosa avanza lo regala agli altri.

Come persona è una valanga, un uragano, una tempesta che però non distrugge, ma costruisce. Ha molto da dire e te lo racconta con piacere, come un “cantastorie”, definizione che mutua dalla tradizione di chi per vivere girava tra le fiere ed intratteneva il pubblico incerca di meraviglia.

È molto impotrante, almeno per me, sottolineare la sua attenzione ai testi. Generalmente, soprattutto nei generi “alternativi” contemporanei, si fa un grande ricorso ad imamgini e suggestioni violente, all’esaltazione del denaro, all’abuso di droghe e all’apologia della misoginia. Piervito rifiuta tutto questo, cantando felicità, valori semplici e divertimento genuino, oltre l’immancabile impegno nella lotta per diritti civili e sociali.

Ecco perché Piervito mi ha fatto provare nostalgia per gli anni in cui ha cominciato la sua carriera, per il fatto che so che come lui ne sono rimasti pochi, ma mi ha dato anche speranza, rassicurandomi sul fatto che esistono ancora e che si impegnano per crearne di nuovi.

Quindi grazie a Grisù per avermi fatto provare emozioni vecchie di un quarto di secolo, ma con temi, ritmi ed armonie del presente.

Come sempre, vi invito a seguire i suoi link.

https://www.facebook.com/cantautoreraggamuffin/

https://www.instagram.com/piervitogrisu/

https://www.youtube.com/channel/UCUBykPqyhBcpoA94WqdJQwQ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.