L’uomo che non vedo allo specchio

Lui esiste, nei loro desideri,

ma è identico a me,

che ne vivo i confini.

Lui sta scrivendo,

proprio adesso,

su una tastiera

identica alla mia,

con dita lunghe,

ferite e divorate,

proprio come le mie.

Lui respira con i miei tempi,

dorme nelle mie posizioni,

si muove con passo veloce,

forse troppo, come me.

Lui usa i miei intercalari,

le mie retoriche abituali

e le mie stesse routine.

Lui fa l’amore coi miei ritmi,

ascolta le mie playlist

ed ordina i miei drink.

Lui è come me,

in ogni singolo aspetto,

in ogni minuto dettaglio,

tranne per il fatto

che non è me

ed in questo

mi è superiore.

Lui mi assomiglia,

è la mia imitazione…

O sono io la sua?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.