Dicono sia importante, ma io non posso capirlo

Ci sono due donne che passeggiano nello spazio, nel preciso momento in cui scrivo, dicono sia rivoluzionario: NON LO È!

Non è rivoluzionario che due donne, per la prima volta escano “da sole” per una passeggiata spaziale. Dovrebbe stupirmi questa notizia? Cos’è, pensavano non ne fossero capaci?

Personalmente, la “notizia” mi ha infastidito già quando questa passeggiata spaziale fu annunciata, come se fosse un evento, ma non lo è!

Queste due donne sono due astronaute ed in quanto tali ADDESTRATE ed abituate ad uscire da una navicella e fluttuare nel vuoto cosmico. Lo hanno fatto altre volte. Lo faranno altre volte. Dov’é la notizia?

La notizia sarebbe che lo stanno facendo DA SOLE? Senza essere tenute per la manina da un uomo? Ripeto che NON È UNA NOTIZIA!!!

OVVIAMENTE questo NON VUOL DIRE che queste due Donne siano poca roba, è bene chiarirlo:

Jessica Meir e Christina Koch, delle quali ho appena letto i curriculum, sono due persone che mi fanno capire quanto ampi possano essere gli orizzonti di un essere umano e mi fanno vergognare di quanto poco abbia aperto i mie.

In altre parole…

Jessica Meir e Christina Koch sono due Donne con la D maiuscola, per usare quella famosa espressione tanto odiata da alcuni personaggi secondari della mia uallerite cronica e che mi è valsa, più volte, il titolo di

patriarcafallocratematuchenesaidicosadevepassareunadonnaperraggiungereisuoiobiettiviseisolounmaschioequindinondirmicomedovreicomportarmistronzo

(sì, a quanto ho capit osi dovrebbe pronunciare proprio così: tutto attaccato).

Beh, che dire… In fondo è un titolo meritato: io sono “solo” un uomo ed effettivamente non posso capire la condizione e o sacrifici che una donna deve affrontare al giorno d’oggi. VERISSIMO!

Che dite, lo chiediamo a Jessica Meir e Christina Koch? Vogliamo chiedere a queste due meravigliose Donne, che in questo momento ci stanno svolazzando a chilometri sopra le nostre testoline, se hanno idea dei sacrifici che hanno dovuto affrontare? Vogliamo chiedere loro se hanno idea di quanto sia stata dura la concorrenza dei maschietti, in un ambiente fortemente patriarcale?

Secondo voi, in questo momento, stiano pensando a svolgere il loro lavoro al meglio, oppure stiano polemizzando sul fatto che Luca Palmitano, comandante ed “assistente” alla passeggiata, non possa capire quanto sia stato difficile per loro arrivare fino a quel punto. Chissà, forse c’è addirittura la remotissima possibilità che, invece, siano felici di avere come collaboratore una persona così valida. Chissà, forse le persone DAVVERO intelligenti non fanno distinzione di generi… Ma io non posso saperlo, non posso apprezzare, perché sono solo un uomo!

Posso solo immaginare quanto queste due povere Donne si sentano soffocate dalla costrizione patriarcale all’utilizzo degli assorbenti ed alla cestinatura ermetica degli stessi, in un ambiente dove i liquidi si raggruppano in gocciole e fluttuano per l’abitacolo! IO SONO IL PATRIARCA, non posso capire l’importanza del Free Bleeding interstellare!

Posso solo immaginare quanto tempo abbiano passato a far notare l’esistenza di un ostacolo, invece di trovare un modo per oltrepassarlo.

Posso solo immaginare quanto abbiano abbaiato il rancore di secoli e secoli di sottomissione, contro i loro colleghi maschi, invece di fare squadra. Posso solo immaginare quanto la squadra sia poco importante, lassù, in un miniappartamento di carta stagnola e metalli leggeri.

Io posso, quindi, solo immaginare quanto sia importante la passeggiata spaziale, tutta al femminile, che sta avvenendo in questo momento. Posso solo immaginarlo, perché sono SOLO un uomo.

Io non posso capirlo e quindi lo vedo come una cosa da nulla. Non capisco e non capirò mai il valore simbolico di questo avvenimento. Non capisco e non capirò mai quanto possa essere di sprono e di esempio per milioni, miliardi di Donne, soprattutto giovani, nel mondo.

Io non posso capire quanto quelle due donne stiano urlando che ogni obiettivo è possibile, se inseguito con tenacia e impegno, ma sopratutto, senza odio.

IO TUTTO QUESTO NON POSSO CAPIRLO, ma non in quanto uomo, bensì in quanto piccola persona, in confronto a quelle GRANDI PERSONE che sono Jessica Meir e Christina Koch .

IO NON POSSO CAPIRLO, ma neanche tantissime donne: quelle che vivono la vita a lamentarsi degli ostacoli, invece che a cercare un modo si superarli. Quelle che sputano odio e non cercano alleanze.

Quelle che pretendono di avere spazio, ma costruendo confini sociali…

Quelle, come me del resto, non possono capirlo…

Loro, come me, non passeggeranno MAI nello spazio!


EH EH EH… Ok, ok, lo ammetto, sono stato eccessivamente polemico ed ho strumentalizzato la notizia per un mio attacco personale. Quando leggo queste notizie mi sale sempre un po’ di rabbia, perché penso a quante cose si potrebbero fare, se non si passasse il tempo a cercare un pretesto per prendersela con chiunque.

Chiedo scusa, quindi, a tutte le lettrici. Ora dirò la stessa cosa, ma senza veleno, rivolgendomi (quindi) solo alle Donne (ed agli uomini) che con-vivono in pace.

“Mentre scrivo, le due astronaute Jessica Meir e Christina Koch stanno effettuando la prima passeggiata spaziale tutta al femminile. Per loro non è nulla di speciale, perché sono due persone preparate ed addestrate, ma per voi Donne è il segno che QUALSIASI OSTACOLO si può superare. A fare loro da assistente c’è Luca Palmitano, un uomo di cui si fidano ciecamente.
Consiglio a tutte le Donne di guardare al cielo, perché in questo momento avete la prova che ci si può arrivare, NONOSTANTE TUTTO!!!
Auguro a tutti gli uomini di prendere esempio da Luca Palmitano, perché conquistarsi la fiducia di due Donne così intelligenti è la prova che qualcosa di buono l’hai fatta!
Guardate al cielo quindi, Uomini e Donne, ma fatelo insieme, come alleati della stessa missione per conquistarlo.”

5 pensieri su “Dicono sia importante, ma io non posso capirlo

  1. Da Donna, questi eventi pompati non li comprendo del tutto, “la prima donna a fare questo!”, “la prima donna a fare quello!”, okay e quindi? Ma penso che i media tendano a montare queste notizie un po’ anche a scopo di propaganda, che le donne vivano ancora, in determinati luoghi e ambienti, condizioni di inferiorità, è risaputo, e che non sia facile smantellarle è risaputo ugualmente… io sono per i fatti più che per le parole, e queste donne sono certamente un esempio di come i fatti, la preparazione e la collaborazione portino a dei risultati concreti 🙂

    Piace a 2 people

  2. Una precisazione magari leggermente off topic. La prima donna nello spazio è stata Valentina Tereshkova.
    Non è rivoluzionario, perché ci sono state altre donne prima di loro nello spazio.
    Non è rivoluzionario perché pompare qualsiasi cosa facciano le donne come girl power è (dai, ammettiamolo, almeno un pochino) un’americanata (ed è così perché gli americani non sono affatto meno patriarchi che in altre parti del mondo, anzi).
    Cosa è rivoluzionario? Che la gente si arma di forza e coraggio e smantella qualsiasi convenzione, qualsiasi preconcetto, per fare quello che desidera fare, quello che ritiene giusto fare, per inseguire un sogno. Questa cosa è rivoluzionaria, SEMPRE, in un mondo di gente che passa più tempo a scavare tra le proprie paturnie che a uscirne fuori.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.