Spaiati

Spaiati, nasciamo monchi dell’altro,

come una scarpa abbandonata,

lungo il ciglio di una strada deserta.

Lasciamo che il tempo ci trasporti,

attraverso periferici percorsi,

dall’immobile all’immobile,

nella ricerca dell’altro,

sapendo di poterlo riconoscere

al primo sguardo, come specchio.

Spaiati, eppure utili,

come rifugio per animali nomadi,

che in noi trovano case di ripiego,

per una notte eterna ed affamata

o per una vita veloce e denutrita.

Spaiati, finché il tempo lo vuole,

finché non concederà un nodo,

per aggrapparci, legati insieme,

al filo sottile tra due tralicci:

sospesi al vento, dondolando uniti,

tra le due estremità

della nostra esistenza.

Un pensiero su “Spaiati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.