Ad occhi nudi

I miei occhiali sono grandi,

perché devono inquadrare

tutto l’universo conosciuto,

lasciando alle pupille, avide,

il compito di immaginare.

I miei occhiali sono sporchi,

perché ho mani ansiose,

che non riposano, ma s’agitano,

indaffarate ed instancabili,

nella costruzione di nuovi mondi.

I miei occhiali collezionano idee,

incastrano capelli, rubano attimi,

scivolano sul naso, ribelli,

vivendo una vita parallela.

Io non porto gli occhiali,

sono loro che portano me,

precedendo ogni direzione,

anticipando ogni scorcio.

I miei occhiali si innamorano,

odiano, vivono e moriranno,

sempre un istante prima

del mio volto, curioso.

I miei occhiali sono sinceri,

non mascherano la miopia,

come fredde lenti a contatto:

non invadono l’iride, stuprandola,

ma la proteggono, eroici.

I miei occhiali sono il mio velo,

nebbia leggera in cui mi occulto,

lasciando a pochi spiriti

il privilegio di guardarmi

fin dentro l’anima danzante.

La notte i miei occhiali

riposano ad un gesto da me,

affinché io possa afferrarli,

senza timore di perdermi

nel buio di un incubo.

Vuoi che tolga i miei occhiali?

Descrivimi un sogno:

io lo guarderò

ad occhi nudi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.