Solo altre mani

Guardo le mie mani e ne riconosco i solchi,

le cicatrici dei pugni contro ogni muro.

Osservo i palmi, ricordando il bruciore

di quanto hanno stretto, tirato, trainato e spinto.

Ogni unghia conserva il ricordo rosicchiato

di troppe impazienze, attese ed insicurezze.

Vedo i calli delle corde e quelli della penna:

rimpiango soltanto non siano più grandi.

Immagino le mie mani staccarsi da terra,

un istante prima del primo passo: “ora cammino”.

Ricordo il suono di un applauso ad un concerto,

l’umidità della sabbia d’agosto, in una notte lontana

e l’esitazione su una maniglia, in una mattina vicina.

Spingo una mano in avanti, l’altra la blocca:

non c’è nulla da afferrare, almeno non ora.

Guardo le mie mani, le studio, le osservo, le giro:

sono vuote, solo altre mani potranno riempirle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.