PK 16720

Miscelazioni di musiche scomposte.

Calici estranei, che brindano alla notte.

Nebbie artificiali coprono la tua assenza.

Suppongo che tu sia qui, in un altrove.

Mi accascio, sfinito, su isolati giacigli,

affidando a nuovi nettari il mio risveglio.

Una pausa, un respiro, un dubbio,

poi di nuovo la consapevolezza,

la ferma e orgogliosa incoscienza

di un sacrificio da tempo necessario.

Le parole mi accolgono, come amanti,

come dolci e occasionali compagne,

accudiscono una solitudine forzata.

Invento nuovi percorsi verso casa,

mentre il tempo mi picchietta la spalla,

ricordandomi di non essere immortale.

Ripiego un istante rubato su se stesso,

riponendolo in una tasca bucata,

perdendolo mentre mi distraggo,

nel riconoscere i nuovi lineamenti

dell’ombra costretta ai miei piedi.


Foto di copertina di James Wheeler da Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.