Castelli di sabbia

Friabili sono i miei sogni,

quando li modello

su desideri liquidi,

adattandoli al contesto.

In questa terra nuda,

svestita dalle folle,

immergo mani e piedi.

Traccio un solco,

edifico alte mura,

tra torri merlate.

Se guardi meglio,

dentro c’è vita:

organizzo un ballo,

smaschero intrighi,

copro amori clandestini,

sbircio in cucine fumanti.

Io sono il Creatore.

Una voce mi richiama,

è tempo di crescere:

con un gesto, distruggo.

Io sono Apocalisse!

Torniamo adulti,

guardiamoci intorno:

quanta sabbia sprecata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.