Il primo sguardo

Era vestita di germogli,

mentre il sole, alle spalle,

le sagomava le forme,

in un’estate ancora giovane,

indifferente al vento ribelle

del tardo e affannato crepuscolo.

Odorava di Musica nuova,

di vicoli inesplorati,

di poesie sconosciute.

Il suo impacciato rovistare,

nel mio malcelato imbarazzo,

mi aveva già mutato in cenere.

Eravamo solo al primo sguardo,

quando capii che, prima del secondo,

l’avrei già sentita andarsene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.