Svesto il mio sorriso

Svesto il mio sorriso,

a volte, senza controllo,

quando guardo ad oriente,

pensandoti, distraendomi.

Percepisco distintamente

l’instante in cui si congela,

per poi ritrarsi, vigliacco,

dietro labbra serrate,

ammutolite da un discorso,

spesso da una singola parola.

Svesto il mio sorriso,

quando i ricicli della vita

portano la tua voce

fino al mio orecchio,

per ascoltarla danzare,

ondulare sinuosa sulle note,

piroettare tra le armonie,

per poi pungere e conficcarsi,

come scheggia di un passato

rovinato dal tempo.

Io ascolto e ti sento tagliente,

come carta nuova e pesante.

Svesto il mio sorriso

per un titolo, una canzone,

un film, un sapore,

una foto conservata,

ma dimenticata…

Svesto il mio sorriso

quando si parla d’estate:

dicono che quest’anno

non la vedremo arrivare,

lo svesto quando penso

che non sarebbe arrivata

comunque, per me…

Svesto il mio sorriso,

nel tempo di un respiro,

solo per un attimo:

lo recupero da terra,

lo spolvero, lo indosso,

perché non mi vedano,

nudo e rassegnato,

perché non sappiano

che è solo un disegno,

un tratto maldestro,

con il quale do espressione

ad un volto asettico.

Svesto il mio sorriso,

perché è una copia,

mentre l’originale

è ancora in quel saluto,

congelato nei tuoi occhi,

gli ultimi testimoni

della sua esistenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.