Non è più tempo di giustificare! #RESTAINCASACOGLIONE

#RESTAINCASACOGLIONE – Durante la seconda guerra mondiale era fatto obbligo ai cittadini di spegnere le luci, dopo una certa ora, per impedire che, dall’alto, i bombardieri avessero un bersaglio agevolato!

Certo, nessuno ti impediva di tenere accesa una luce, una candela o qualsiasi cosa potesse illuminare le stanze, ma dall’esterno e soprattutto dall’alto non doveva essere visibile!

Credo si tratti di una condizione ragionevole, dato che si cercava di evitare che una bomba da due tonnellate ti si piazzasse nel camino di casa, con buona pace del calore del focolaio domestico proprio e dei propri vicini.

Nessuno, all’epoca, avrebbe mai pensato di lamentarsi di non poter leggere il giornale, godendosi la brezza dalla finestra aperta.

Succedesse oggi, probabilmente, accadrebbe un casino: “TENERE LA LUCE ACCESA E LA FINESTRA APERTA È UN MIO DIRITTO!”

No, CAZZO, non lo è, NON ADESSO! Quel diritto è annullato da quello del tuo vicino di non essere bombardato perché tu devi leggere la pagina sportiva! È così difficile da capire?

Tornando ai giorni nostri, in questo momento ci sono medici ed infermieri che fanno straordinari, muratori all’opera per aprire nuovi reparti, fabbriche a pieno regime per fabbricare respiratori ed addirittura una nave da crociera riconvertita ad ospedale… È così difficile capire che il sistema sanitario è sotto pesante sforzo?

Quindi, è così difficile capire che se esci, per motivi non necessari, sottoponendoti a rischi vari ed eventuali, poi appesantirai ulteriormente quel sistema?

Non mi interessa se il decreto te lo concede: se non riesci a rinunciare alla corsetta mattutina sei sicuramente nella legalità, ma per me sei un egoista di prima categoria!

Attenzione, non vale la frase “io vado dove non c’è nessuno”, perché se cadrai, se ti verrà un infarto o una crisi allergica, se verrai morsicato da un cane o se per qualsiasi ragione avrai bisogno di cure mediche, in questo momento saresti un peso che poteva essere evitato.

Inoltre, per te andare a correre o meno è una scelta, intervenire per soccorrerti, invece, non lo è per chi ha questo compito! Loro sono obbligati a salvarti il culo, quindi non vale neanche l’obiezione “tranquillo, non ci vado in ospedale”… Fosse per me, confesso, ti toglierei il diritto all’assistenza sanitaria!

Se mentre sei in montagna a cercare funghi, anche da solo, cadi in un dirupo, ci vorranno mezzi, uomini e tempo per tirartene fuori: in questo momento mezzi, uomini e tempo non ce ne sono per i tuoi funghi del cazzo, quindi comprali congelati e fottiti, OK?

VOGLIO SORVOLARE sulla tesi “io non peso, perché ho mezza famiglia in ospedale”, perché spero sia chiaro che questa modalità è da galera SEMPRE, figuriamoci adesso!!!

L’egoismo di pochi, purtroppo, riesce a farmi perdere il lume della ragione, nonostante l’altruismo di molti a bilanciare!

Io non posso sentire frasi come “ma questa è casa mia, ecco perché sono sceso da Milano. Alla fine ho trovato la zona rossa qui, visto? Non è cambiato nulla”.

NO, coglione, la zona rossa A CASA TUA l’hai portata tu! Bravo, clap clap clap!

Non dirmi, poi, che sei in quarantena, perché ne ho visti troppi scorrazzare in giro dopo l’esodo dei disertori, due settimane fa!

benvenuti nella sagra dell’egoismo, della presunzione e dei capricci da bambini di terza elementare: VOGLIO VOGLIO VOGLIO, POSSO POSSO POSSO, È MIO È MIO È MIO!!!

BASTA BASTA BASTA!!! Crescete e prendetevi una parte della vostra responsabilità: siamo in sessanta milioni, non possiamo preoccuparci anche delle vostre esigenze spirituali perché, no so se ve ne siete accorti, QUI LA GENTE MUORE!!! Quindi cominciate ad imparare un’altra cantilena, più utile: DEVO DEVO DEVO!!!

Per vostra fortuna, siamo (ancora) in un paese democratico, dove i vostri diritti sono fatti salvi anche se pisciate sui doveri! Fosse per me, ripeto, vi lascerei in quel dirupo: forse il secondo ci penserebbe due volte prima di fare una bella passeggiatina rinvigorente in montagna!

Non lo avete capito che siete i primi a mettere a rischio quei diritti che tanto sbandierate? Lo fate abusandone!

La libertà di una persona finisce dove comincia quella dell’altro e quindi LA TUA CAZZO DI LIBERTA’ DI ANDARE A CORRERE SI FERMA DOVE COMINCIA QUELLA DI TUTTI GLI ALTRI DI AVERE UN SISTEMA FUNZIONANTE IN TEMPO DI CRISI!!!

Avevano messo la zona rossa solo su 3 regioni, ma dei coglioni hanno abusato del loro diritto di prendere un treno: dopo 24 ore era estesa a tutta la nazione.

Avevano dato la possibilità di mantenere aperti gli esercizi commerciali e di ristorazione, ma dei coglioni si accalcavano sui pontili per fare aperitivo: tempo 24h e gli esercizi sono stati chiusi!

Ora sono proprio quei coglioni a lamentarsi per primi delle restrizioni che loro stessi hanno causato e si permettono anche di voler avere diritto di darti addosso!

“Se io non posso andare a correre, allora tu non devi andare a lavorare”, sì, me lo sono sentito dire davvero!

Quindi IO NON GIUSTIFICO PIU’, ORA BASTA! SIAMO IN GUERRA ED IN GUERRA NON SONO AMMESSE DISERZIONI!!!

Attenzione belli, perché siamo al punto di non ritorno e presto si dovrà fare una scelta su chi soccorrere e chi no… Voi che dite, uno che inciampa su un marciapiedi ha più o meno diritto del vecchietto in fin di vita per un virus?

Attenti, perché la strafottenza della popolazione è il concime sul terreno seminato a dittature!!!

Questo è il momento dei popoli, non dei popolini,GRAZIE!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.