Non parlo di te

Non parlo di te, svicolo.

Se mi parlano di te, annuisco,

senza chiedere se hai chiesto,

senza chiedere a mia volta.

Non chiedo come stai,

se stessi male lo saprei,

questo conta, mi basta.

Non chiedo cosa fai,

saperlo non mi interessa,

se non sei tu a raccontare.

Non parlo di te, per non rivivere,

ricordare, elencare, ispezionare

ogni singolo ricordo di noi.

Non parlo di te agli umani,

lo faccio al mio Dio,

che non risponde.

Parlo di te ai miei demoni,

sempre pronti a dire la loro.

I vizi, i veleni e gli eccessi

trovano sempre le parole giuste.

Parlo di te ai miei fantasmi,

sapendo che sei tra loro, adesso.

Parlo di te al mio specchio,

che mi fissa, umido del mattino,

lasciandomi riflettere,

nella passata infinita illusione

di averti potuto avere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.