Sono, non sono

Non sono alla tua porta,

non mi sentirai bussare:

non chiederò che tu mi apra,

non aspetterò che tu mi dica

di andare via, con garbo,

come un noioso venditore

di stracci e merce scadente.

Non sono sulla tua strada,

non certo dal tuo lato:

non rischierò di incrociare

il tuo passo opposto,

il tuo sguardo distratto,

la scia del tuo odore,

come un mendicante

di emozioni usate.

Non sono il tuo pubblico,

non più, non stavolta:

non sopporterei

gli occhi degli altri

fissi sulle tue forme,

senza poter pensare

che sei solo mia.

Non sono nel tuo futuro,

né nel tuo presente:

sono intrappolato nel passato,

prigioniero di dolci memorie,

tra sbarre di amare distanze.

Non sono nei tuoi luoghi,

né nei tuoi tempi riservati.

Io sono il silenzio, l’invisibilità,

una nebbia debole e lontana,

che svanisce in un domani

in cui di noi s’è perso l’alone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.