L’eccedenza (2006)

Il sipario si chiude sul ritmico movimento di un fermo immagine affannato, gocce di sudore cavalcano il derma degli attori immortalati in un quadro dipinto dalla loro stessa mano.

Due mondi si sposano sul boccascena, si amano, entrano uno nell’altro disarmati. Scemano le luci, le musiche ed è il buio dei suoni ed il silenzio della fotografia.

Si chiude il sipario e subito riapre mostrando la fila dei personaggi tornati uomini e donne, non più anime, non ancora spiriti fluttuanti. I despoti, i tiranni, gli eroi, le vittime smettono i loro abiti, i morti risorgono, i fumi si diradano.

Un inchino unisonante al pubblico che cresce di plausi e si fa ovazione. Si scende in sala, si ricevono fiori, buoni commenti, baci di stima, parole di conforto per gli errori inevitati.

Piano la sala si svuota, i camerini ritornano al loro ordine, l’ultimo specchio smette di riflettere. Tutto viene rimandato ad un nuovo inizio all’indomani, nuove guerre, nuove paci e ciclici canovacci.

In sala, fermandosi nel nulla ad osservare, si scorge l’immagine di un uomo intento nel contemplare l’etere: è colui che ha creato, che conosceva i fatti prima che accadessero, che decide di come e di cosa, colui che non prende applausi per se, ma che gode dei successi della propria opera, è l’autore.

L’uomo si alza, percorre il corridoio, arriva all’uscita, si gira, alza una mano poggiando un dito sull’interruttore, da un ultimo sguardo.

In un attimo spegne l’ultima luce rimasta, solitaria, a segnare una ribalta inutilmente vuota e crea il bianco di un’assenza da riempire.

Il resto, il rimanente, l’eccedenza, l’avanzo, il residuo è solo attesa e Musica d’ascolto.

 

(appendice ad “Oltre il muro” 2006)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.