Io ti conosco

Io ti conosco, sei il mio specchio,

mi rifletti fedele ed inversa,

solo con qualche graffio in più.

Non sapevamo accendere un fuoco,

ci arrabbiavamo, urlavamo,

perché il fuoco era cattivo,

ma non avevamo mai avuto un fuoco.

Io ti conosco, sei il mio ritratto,

mi rappresenti in idea,

solo con qualche ombra in più.

Non sapevamo spostare la cenere,

immergendoci in essa,

perché la cenere era ovunque,

non avevamo mai avuto altro:

la cenere degli altri.

Io ti conosco, sei una mia foto,

scattata nel giorno più nero,

con gli occhi colmi di odio:

non avevamo altro che odio.

Dimentichiamoci di noi:

da ritratto a cornice,

da riflesso ad incontro,

da scatto a riscatto.

Abbiamo un fuoco adesso,

sappiamo accenderlo

e spostare la cenere.

Domani non ti conoscerò:

ti riconoscerò,

tra tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...