Eutanasie minori

Trancio il ramo, salvo l’albero:

rinuncio al frutto, per il raccolto.

Sfascio la stanza in fiamme,

per salvare la casa e me stesso.

Riciclo il bicchiere scheggiato,

per non ferirmi la bocca, assetata,

confondendo il sangue ed il vino.

Getto la bacchetta spezzata,

per non lacerar la pelle.

Privo i miei occhi del tuo volto,

per non guardarti fuggire, ancora.

Tu sei la mano con cui scrivo,

non il vizio che la corrompe.

Il morbo che m’infetta l’anima

è viverti a metà, oscillando in bilico,

barcollar sulla linea, in equilibrio,

abbastanza vicini per afferrarci,

così lontani da non trattenerci.


Photo de abednego ago provenant de Pexels

2 pensieri su “Eutanasie minori

Rispondi a FO' Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.