Legion d’anima

Siamo soli adesso, siamo insieme alfine,

spalla contro spalla, fermi sulla linea,

in armi e incattiviti dalla noia dell’ovvio,

facendoci vicendevolmente scudo,

vestendo l’altrui corazza come propria,

barricati in un rifugio di parole monche,

lì dove i varchi s’occultano al fronte,

celati dietro veli di maestose evidenze.

Come fantasma, ho vagato per il campo,

tallonato dall’idea che credevo di inseguire,

preda e sacrificio del mio stesso rigurgito,

disertore in fuga, nelle vesti di un reduce.

Manteniamo la posizione, non arretrare.

Assorbiamo la prima carica, non reagire.

Il nostro corpo, non più vapore, ora s’impone,

reclama un degno posto in familiari trincee,

per riscattar valori che non può altrove.

Serrati in testuggini di cocciuta devozione,

ci limiteremo a respingere gli assalti,

in un assedio volontario e consapevole.

I nostri occhi, spalancati sull’orizzonte,

hanno visto la fine di mille mischie,

tanto che le buie reliquie del conflitto

appaiono più rassicuranti del rifugio

in una casa pregna di odori di pace.

Siamo soli adesso, siamo insieme,

un’armatura impalata sull’anima,

un vessillo al vento della baruffa,

un duetto stonato nei canti di gloria,

due spiriti a guardia delle stesse carni,

consacrati ad un’unica orgogliosa legione.


Photo de Jeswin Thomas provenant de Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.