Alla fine del racconto

Alla fine del sentiero, io non aspetto!

Il tempo, bieco ammaliatore, m’insegue.

M’irretiscono i canti di Vita,

sirena che ammalia e corrompe,

con promesse d’estasi mortali.

Nel giorno più lungo, io non aspetto.

Non mi conservo, non mi risparmio,

non riservo i miei occhi avidi,

per occhi distratti e distanti.

Lungo il cammino, io non aspetto.

Io non vado avanti, ma sorpasso,

scavalco, aggiro e lascio alle spalle.

Alla fine del racconto, io non aspetto.

Non sarò il bambino che s’addormenta,

ma lo scrittore che lo inventa daccapo,

continuando a dar voce ad eroi e fate,

anche quando la luce è spenta. Silenzio!


Photo by Juan Pablo Serrano Arenas from Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.