Stappatemela da dentro

Strappatemela da dentro,

come un cerotto dalla ferita,

come un dente penzolante,

come una scheggia da un dito.

Forse urlerò, mi ribellerò,

cercherò di divincolarmi,

di scacciarvi lontano,

ma sarà solo un attimo,

per il dolore della perdita

di quell’oggetto estraneo,

ormai adattato al mio corpo,

in placida e velenosa simbiosi.

Stappatemela da dentro,

anche se dovrete lacerarmi

un pezzo intero dell’anima,

che le rimarrà attaccato,

inevitabilmente legato.

Strappatemela da dentro,

liberate le mie notti,

riscattate i miei risvegli,

alleggeritemi l’esistenza.

Strappatemela da dentro,

quando sarò distratto,

coglietemi alle spalle,

quando indosso il costume

da giullare urbano danzante,

affinché non possa svestirlo.

Strappatemela da dentro,

finché sarà solo un ricordo,

finché resterà ancora tale,

impedite che fermenti

in un nuovo fantasma.

Strappatemela da dentro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.