Accetto

Accetto me stesso,

come seme di tante idee.

Accetto di non avere tempo,

per realizzarle tutte.

Accetto di aver avuto

sempre poca volontà.

Accetto di essere mortale,

accetto questa nausea,

accetto che potrebbe

non essere passeggera.

Accetto la mia imperfezione,

la mia ignoranza, le rughe,

i capelli bianchi, la miopia,

le orecchie troppo grandi,

il naso storto, i denti ribelli,

le ginocchia troppo distanti.

Accetto la mia solitudine,

unica compagna finora fedele.

Accetto di non lasciare eredi.

Accetto di non lasciare opere.

Accetto l’oblio della storia.

Accetto la spietata inutilità

di ogni parola che ho scritto,

perseverando nel comporre

fantasie instabili e confuse.

Accetto che altre mani la sfiorino.

Accetto che le mie rinuncino.

Accetto di essere il taccuino

acquistato e lasciato in bianco;

il bambino sullo scivolo,

con la paura di saltare;

lo strumento desiderato,

lasciato a prender polvere.

Accetto di essere umano.

Quel che non accetto,

né adesso, né ieri, né mai,

è di vedervi sprecare

l’immeritata felicità

che la vita vi concede.

Non lo accetto,

non lo giustifico,

non vi perdono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.