Il cieco errore di un vedente

T’ho visto, ho voltato lo sguardo,

per non bruciarmi gli occhi:

tanto bella, quanto lontana,

quanto tra altrui braccia.

Sono sprofondato nel vuoto

del posto accanto al mio,

lucido baratro senza tempo,

nel quale i ricordi e i sogni

si mischiano in vortice.

Barricato nel silenzio,

non pronuncio il tuo nome,

per non doverlo ascoltare.

Fuggo dal tuo richiamo,

per non doverlo assecondare.

Resisto ed esisto, esito,

poi mi guardo attorno:

nulla di nuovo.

T’ho visto, ho voltato lo sguardo,

per non bruciarmi gli occhi:

non avrei dovuto,

perché ora vedo

la desolazione del tuo vuoto,

quando avrei potuto sceglierti,

come ultima immagine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.