Soffice assenza

Dall’ala di un angelo caduto,

una piuma mi si posa in mano:

è bianca, leggera, immacolata,

lieve solletico sul palmo disteso.

Passa un minuto, poi un’ora,

non serro il pugno, sopporto,

la piuma sussulta e vibra,

stimolata da timida brezza,

mentre io la osservo, curioso,

immaginando l’ultimo volo,

i mondi lontani che ha visitato.

Passa un giorno, la mano trema,

eppur resiste all’istinto di ritrarsi.

Piove e l’acqua cola tra le dita,

la piuma brilla di gocce superstiti.

Passa un mese, un anno, la vita,

il braccio, teso all’orizzonte,

non cede all’attrazione della resa,

trafitto dalla fatica dell’esistenza,

nel soffrir l’atroce leggerezza.

Ad un istante dalla fine,

l’angelo caduto compare,

picchietta con l’ala alle spalle:

“Non vedi che la mano è vuota?

Lei è andata via, soffice,

tu hai sostenuto il vento!”.


Photo de Creative Vix provenant de Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.