Melodia e naufragio

Ti ascolto, nei silenzi che lasci,

quando fuggi via, sfumando,

dissolvendoti, anima, eterea.

Io vorrei afferrarti, farti mia,

con queste deboli dita, bramose,

tra le quali scivoli, libera e ribelle,

come vento urbano tra rottami.

Ti sento, nei vuoti e nelle pause,

quando la tua assenza ti rivela,

quando tutto il creato si distrae,

nell’attesa ansiosa del tuo ritorno.

Sei tu che risvegli sensi assopiti,

alle prime luci del mio mattino,

tra voci che ancora sussurrano

l’antico nome segreto della notte.

Musica, rivelazione e conflitto,

melodia che si racconta e chiede,

ritmo che ti accarezza e scuote,

onde che vibrano e ti rapiscono,

fin quando t’abbandoni, naufrago,

sulla riva deserta del desiderio.


Foto di cottonbro da Pexels

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.