Biancosarti e Mortadella

Adesso siamo briciole su quel tavolo d’acciaio,

che ha smesso di traballare e resta solitario,

abbandonato dai riflessi delle luci al neon.

Siamo gocce di condensa sui bicchieri di vetro,

un cerchio perfetto sul tovagliolino di carta,

cubetti di ghiaccio, mutati in acqua stagnante.

Ora siamo strumenti riposti nelle custodie,

mozziconi spenti in altrui posacenere ricolmi.

Oggi, che saremmo stati festa a noi stessi,

mi accorgo di celebrare un dolce distacco,

di aver smesso di contare rimpianti e ricordi,

di aver ordinato biancosarti e mortadella per uno,

di aver smesso di aspettare qualcosa di vecchio,

per fare posto al vento, agli odori che porta,

a mondi estranei, improbabili, lontani e futuri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.