Estate in-odore

Tienila lontana da me, quest’estate in-odore,

ansiosa di ricordarmi i profumi del passato.

Tienila a distanza, lasciami nell’inverno,

barricato all’interno dell’incosapevolezza,

come se fosse una fortezza di idee rimosse.

Resisterei meglio a cento gelide tempeste,

che ad una singola carezza di quel vento,

che si fa anestetico sulla pelle calda e nuda,

mentre nuove fiamme bruciano dall’interno,

come fossi un albero colpito da un fulmine.

Lasciami ancora un po’ qui, a rimandare,

a dichiarare i miei proclami e programmi,

senza doverli mai davvero onorare domani.

Il mare che cerco è agitato e minaccioso,

tanto da tenermi lontano, distante, estraneo.

Il cielo che cerco è grigio, nebbioso, coperto,

tanto da fermare le stelle, tenendole in cielo,

affinché non cadano, invitandomi a desiderare.

La notte che cerco è deserta, timida e solitaria,

cautamente riposta ad invecchiare in cantina,

come una bottiglia di buon vino, ricevuta in dono,

conservata per quei momenti davvero speciali,

che tanto giudicherai sempre “non abbastanza”.

Tienila lontana da me, quest’estate bastarda,

scaraventami indietro, a quella precedente,

oppure in avanti, verso i rifugi di settembre.

Riportami il suo odore e non la sua idea,

oppure cancellalo, stavolta per sempre,

dalla memoria delle mie estati future.

2 pensieri su “Estate in-odore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.