Danza in bilico

Qui, in bilico sul baratro, io danzo quasi immobile.

Con passo lento, mi muovo, oscillando appena,

su ritmi sincopati, armonie dissonanti,

melodie scomposte e cori di voci lontane.

Qui, in bilico, il tempo è fatto di istanti,

lo spazio si scompone in nuovi ignoti atomi.

Dietro: le voci mi spingono ad avanzare.

Avanti: fisso il vuoto e ne ho terrore.

Di fianco: altri danzatori, tutti anonimi.

Ognuno di loro porta in dono ventagli sbiaditi,

orge virtuali, fotografie sfocate, sorsi di rancore,

panificazioni sensoriali, incontri fortuiti,

storie da raccontare, scarpe smarrite,

lucciole spente, chitarre stonate, pezzi di stoffa:

compagni in solitudine, di se stessi armati.

Tutti, insieme, sincronizziamo le cicatrici

in una coreografia di intenti ed esitazioni.

Qui, in bilico sul baratro, tutto è equilibrio:

la paura di vivere e quella di morire,

il coraggio di saltare e quello di restare,

la voglia di un profumo e quella di tutti gli altri.

Qui, sul baratro, ogni movimento è pericolo,

ma anche salvifica consolazione artificiale,

un’elegante versione precaria di Casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.