Il valore del dolore

Il dolore ha un valore,

prezioso come il tempo,

la moneta che svalutiamo,

concedendo più potere

a quello che ci negano,

che quello che ci donano.

Così accade per il tempo,

quanto per il dolore.

Prendiamo le distanze

dal dolore che ci chiama,

mentre ci leghiamo

all’indifferenza.

Il dolore ha un valore,

coltiviamolo con cura.

Accarezziamo le nostre tristezze,

abbracciamo le agonie più atroci,

innamoriamoci delle insonnie.

Ringraziamo per ogni volta che,

nei deliri delle notti silenziose,

alcoliche come il sollievo,

abbiamo invocato quel nome,

senza ottenere risposta.

Quando avremo sofferto abbastanza,

saremo in grado di dare valore

al dolore altrui, come al nostro.

In quel momento, d’incanto,

non volteremo la faccia:

lo sentiremo invocare

il nostro nome sbiascicato.

Risponderemo al richiamo

senza leggerci debolezza,

ma solo la forza costante

con cui riesce ancora

a scandirne i suoni.

Il dolore ha un valore:

se non riusciamo a vederlo,

forse non abbiamo ancora

sofferto abbastanza!

Un pensiero su “Il valore del dolore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.