Era.

Il nostro amore era fatto

di cerotti e tintura di iodio,

cresceva rosso e succoso, solo

sul davanzale senza sole,

sotto a una lampada alogena

sopra al termosifone.

Il nostro amore ibernato

per scongelarlo in estate

dormiva con le gambe intrecciate

nei calzini di lana.

Non bruciava, palpitava

come la vita sotto al terreno,

come in coma, ci rallegravamo

di un guizzo sul viso,

di un impulso al sorriso.

Era un pomodoro, l’amore

piantato in un campo di neve

per credere nell’impossibile,

per vedere che cosa succede.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.