Nel mio giardino

 

albero

La foglia si stacca

e volteggia indecisa

come quando mi perdo

e vaneggio impaurita

 

Si alza il vento

schiaffeggia i rami

come un’inquietudine sale

ed è tempesta.

Una pioggia battente mi bagna

mi abbaglia il lampo e non vedo

mi paralizza il gelo dell’inverno

mentre per altri è primavera.

Non odono il rumore, non sentono l’odore

Non vedono il colore, non guardano neppure

Non toccano il tronco, è freddo e sporco.

 

Io odo il fragore di alberi percossi

Io sento questo odore

è bosco, muschio e terra

Lo vedo il colore

il rosso impaziente, il nero del niente

Lo tocco e mi tocca, ruvido e vivo.

 

L’albero mi assiste

sta lì, piantato in terra

nascoste le radici 

maltrattata la chioma

Resta, dritto e fiero

persiste anche se piove

si bagna e si consola

inconsapevole creatura.

 

 

3 pensieri su “Nel mio giardino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...