L’olocausto dell’amore

Sei uno scorpione mortifero.

Mi avveleni e mi lasci agonizzante.

Lo fai per la voglia di vedermi giacente su un letto

Quel letto fatto di lame affilate che sembrano petali innocui.

Ogni volta che ti va di ingabbiarmi tessi a dovere la trama

E poi sferzi l’attacco,

Ma tutto questo non è mai mortale.

E’ delirio che inietti nelle mie viscere e mi inabissa nella mia

demenza primordiale,

è come godere di un amplesso di dolore,

è insania assoluta.

Mi strapperei l’anima pur di non sentire il tremore quasi

impercettibile che mi cava dentro.

E la malattia di te scorre nelle mie vene

e contamina il mio corpo

quel corpo di vittima sacrificale.

Te ne vai ed ecco che poi ritorni e mi somministri un

farmaco più dolce,

sembra vincere il fiele

e poi mi consegni ad un altro per capire te stesso.

Non mi ami.

Mi ami,

ma mi danni.

Non mi sai lasciare.

Mi tieni prigioniera.

Chiudo gli occhi e ti vedo ridere di me.

Mi porti nella tua allucinazione di penombre e buio artificiale

poi mi sbatti fuori lasciandomi bruciare dal giorno inopportuno.

E io vago.

Vago nella vanità di smanie e sessi

immersa in pensieri, fottuti pensieri fallocratici.

Il cielo di piombo mi impedisce di respirare.

 

 

Poesia in stile libero di Silvia Nasti

Foto di Silvia Nasti – Room29A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.