Cosa sei tu? (II)

Sono l’infinito istante fra un momento e l’altro.

Sono il primo bacio,

sono il mendicante che ti sorride.

Sono la giovane recluta che muore per il suo paese,

sono la bestemmia del vecchio che ha appena sputato.

Sono l’urlo isterico di una madre,

l’amore inespresso di un padre.

Sono il latrato affamato di un cane,

sono la spada che vi porge il vostro Santo.

Sono l’aborto volontario

Sono l’incendio doloso

Sono l’ultima sborrata della notte.

Sono la nota blues,

sono il timorato di Dio e il servo del Diavolo.

Sono il fiore che calpesti,

sono il miracolo che non vedi.

Sono il saluto imbarazzato di un amico,

sono il fallimento che hai sperimentato.

Sono la passeggiata nel bosco,

sono il sangue che ti esce dal naso.

Sono il demone che ti possiede,

sono il mare di notte.

Sono la pioggia inaspettata,

sono il film che ha rovinato il romanzo da cui è stato tratto.

Sono il nonno che ritira la pensione

Sono il bimbo con la palla

Sono il comico che piange.

Sono la magia della Natura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.